Datagate, il ruolo degli operatori

Datagate, il ruolo degli operatori

AT.T e Verizon sarebbero stati determinanti nelle operazioni di sorveglianza di massa dell’NSA.

Datagate

Nuove rivelazioni, trapelate dall’archivio dei documenti trafugati dall’ex-contractor NSA Edward Snowden, mostrano il ruolo determinante svolto dai carrier Verizon e AT.T nelle attività di tecnocontrollo dell’intelligenze statunitense.

Mentre la politica ha cercato di imporre limiti alla sorveglianza di massa dei suoi servizi segreti attraverso la riforma del Patriot Act firmata da Barack Obama lo scorso giugno, nei nuovi documenti dellaNational Security Agency (NSA) trapelati online e che rientrano nel filone del cosiddetto datagate si legge della collaborazione che legava le telco alle spie a stelle e strisce: proprio tale partnership – avviata all’indomani dell’11 settebre – avrebbe permesso all’NSA di mettere in piedi il suo programma di intercettazione di massa.

Nei documenti in realtà si parla di programmi Fairview e Stormbew, senza nominare direttamente i carrier legati ad essi: tuttavia secondo un’indagine condotta dal New York Times e da ProPublica essi sarebbero ricondubibili rispettivamente a AT.T e Verizon. Una supposizione basata soprattutto sui numeri di utenti chiamati in causa dai due programmi.

La collaborazione di AT.T e di Verizon avrebbe permesso alle spie di avere accesso alle comunicazioni Internet internazionali e che si tenevano fuori dal suolo degli Stati Uniti, ma che passavano comunque sulle connessioni degli hub con sede negli Stati Uniti.

Nei documenti si legge infatti che AT.T ha collaborato in numerose attività classificate tra il 2003 ed il 2013, dando – con diverse modalità tecniche – accesso all’NSA a miliardi di email scambiate attraverso la sua rete domestica ed alle registrazioni più di 1,1 miliardi di telefonate al giorno. Inoltre AT.T avrebbe collaborato con le spie per agevolere il processo di ottenimento dei permessi necessari a condurre le intercettazioni delle comunicazioni Internet.

Non basta: AT.T avrebbe installato dispositivi per le intercettazioni in 17 dei suoi hub statunitensi ed il budget top secret stanziato da NSA per la partnership con AT.T sarebbe stato, per il solo 2013, più del doppio di quello stanziato per il programma immediatamente meno caro. Infine, i tecnici AT.T sarebbero stati i primi a sperimentare alcune tecnologie per le intercettazione sviluppate dalle spie a stelle e strisce.

 

Comments are closed.