FBI, operazione Fappening

FBI, operazione Fappening

Raid a Chicago con sequestro di computer e smartphone. Si dovrebbe trattare di dispositivi sfruttati abusivamente dai veri autori degli attacchi ai VIP.

FBI,

L’FBI ha fatto irruzione in un edificio di Chicago e sequestrato diversi computer e dispositivi mobile sospettati di essere collegati al cosiddetto “The Fappening”, la doppia ondata di immagini molto private rubate alle VIP e diffuse in Rete lo scorso ottobre.

Tutti i dispositivi sembrano di proprietà di un solo uomo, Emilio Herrera, che secondo l’FBI, tuttavia, per il momento non è tra i sospettati.
In ogni caso il mandato per il raid è stato emesso perché sembrano esserci sufficienti prove che documentano l’origine di alcuni degli attacchi informatici e dei conseguenti accessi ai dispositivi dei VIP contenenti le immagini rubate.
Tali dispositivi, dunque, insieme alle email di Herrera, sarebbero stati utilizzati da cracker terzi per compiere i loro attacchi: nel dettaglio le autorità parlano ora di oltre 572 account violati per almeno 6 volte e 5mila tentativi di resettare 1.987 altre password iCloud.

Apple era stata inizialmente il soggetto maggiormente coinvolto nello scandalo (a causa della presunta insicurezza di iCloud) insieme a 4Chan e Reddit, e le prime conseguenze erano poi sorte per Google, minacciata di denuncia per 100 milioni di dollari se non avesse rimosso le immagini sottratte e pubblicate anche su YouTube e pagine di Blogger.
Da parte sua Apple ha dimostrato di voler fare il possibile per riscattarsi e da ultimo, nel corso della WWDC 2015, ha presentato per iCloud la nuova interfaccia per l’autenticazione in due passaggi (two-step verification) introdotta e consolidata proprio in seguito all’affaire Fappening.