Privacy, vademecum per vacanzieri

Privacy, vademecum per vacanzieri

Nel periodo estivo aumentano le minacce online che minano la privacy degli utenti. Il Garante per la protezione dei dati personali ha stilato alcune regole da seguire per riuscire a tutelarsi. Ma il primo passo resta sempre il buon senso

Un’estate all’insegna della sicurezza online quella del Garante della Privacy che ha lanciato l’iniziativa “@-state in privacy“, un vademecum utile a tutti gli utenti per non cadere nelle numerose trappole che la stagione calda spesso acuisce. I dieci consigli spaziano da informazioni utili su selfie e foto, protezione di smartphone e tablet, acquisti online in sicurezza, uso di app, chat e social network.

Il primo consiglio verte sull’evitare un’eccessiva esposizione a selfie e foto, specialmente quando sono coinvolte altre persone (che andrebbero informate e il consenso dovrebbe essere preliminare a qualunque pubblicazione su social network e altre piattaforme) specialmente se si tratta di minori. Queste immagini nelle mani di malintenzionati potrebbero essere usate per scopi malevoli, all’insaputa dei proprietari. Attenzione poi ai dati veicolati inconsapevolmente tramite le foto: i metadati come titoli, descrizioni e dati di geolocalizzazione rappresentano un’arma a doppio taglio.

Per proteggere i propri movimenti è meglio bloccare la geolocalizzazione di PC e smartphone. Far sapere costantemente dove ci si trova, cela pericoli che dovrebbero essere sufficienti a convincere a questa piccola rinuncia. Per fare degli esempi, non sono poi così rari i casi di furti condotti dai cosiddetti social ladri (come li chiama il Garante): malintenzionati che prima di violare un’abitazione si accertano che il legittimo proprietario sia lontano da casa, indagando sui social network. Sulle piattaforme sociali è opportuno in tal senso evitare di pubblicare foto relative al domicilio, targa dell’auto e altri riferimenti che possano aiutare un delinquente a individuare la prossima abitazione da svaligiare in tutta tranquillità.

Per non incorrere in spiacevoli sorprese e aumentare il livello di sicurezza è meglio impostare i social network affinché i post siano visibili solo agli amici, non accettare sconosciuti nella propria cerchia di contatti, impostare il controllo degli accessi non noti su Facebook (attraverso il pannello delle impostazioni privacy), ricordarsi di navigare in incognito dalle strutture alberghiere e specificando che il browser non salvi mai le password. Se si sfruttano reti WiFi offerte da terzi, è bene ricordare che il loro grado di sicurezza non è detto che sia sempre così elevato come ci si aspetterebbe; quindi OK la navigazione, ma meglio evitare acquisti con carta di credito, accessi all’home banking e altre azioni che necessitano di un grado di protezione elevato.

In viaggio, così come a casa, essere protetti a sufficienza è la prima regola basilare. Un antivirus aggiornato è indispensabile così come lo è intercettare prontamente casi di phishing per evitare di abboccare alle truffe. Email con oggetti poco chiari, con richiami sessuali o richieste di accesso al proprio conto bancario, magari scritte in italiano incerto, e contenenti un invito ad aprire un allegato sono tutti elementi che devono far scattare un campanello d’allarme. In questi casi l’unica cosa da fare è cancellare la mail senza esitazioni. Inoltre, è bene ricordare che le infezioni possono essere veicolate non solo via posta elettronica, ma anche scaricando software e applicazioni da store paralleli o siti poco raccomandabili.

Il browser stesso offre alcuni accorgimenti utili per difendersi: nel caso in cui si nutrano dubbi su un link basta passarci sopra il mouse per vedere nella barra in basso il vero link di puntamento e decidere quindi se proseguire con l’apertura o meno; nel caso invece si stiano inserendo dati personali è bene verificare la presenza del protocollo SSL, che si riconosce sulla barra degli indirizzi dalla presenza di https:// ed un lucchetto chiuso.

Il garante della privacy invita infine a non conservare dati sensibili nei dispositivi che si portano in vacanza così come a fare un backup su supporti fisici o su cloud. Questo tipo di prevenzione può rivelarsi fondamentale nel caso in cui i dispositivi fossero compromessi (come per le infezioni da ransomware in stile WannaCry e varianti mobile) o semplicemente perduti.

In vacanza d’altronde, il relax psicofisico porta ad abbassare la guardia, ad essere un po’ più distratti e vulnerabili anche quando si tratta di usare il buon senso.

Salva

Salva

Microsoft, sviluppare app è un gioco nel cloud

Microsoft, sviluppare app è un gioco nel cloud

Redmond apre le porte di PowerApps, nuovo servizio dedicato alla creazione semplificata di app aziendali. Un settore in cui la corporation non vede quel boom che ci si potrebbe aspettare con la proliferazione dei gadget mobile.

Microsoft, sviluppare app è un gioco nel cloud

Stando a quanto sostiene Microsoft, nelle aziende si usano poche app rispetto agli smartphone e tablet (spesso BYOD) a disposizione dai dipendenti: per ovviare a questo “problema”, Redmond ha dunque creato il servizio PowerApps con l’obiettivo di facilitare quanto più è possibile la creazione delle suddette app.

PowerApps dovrebbe rappresentare la risposta di Microsoft al “divario di innovazione” che esiste nel settore delle app per il business, un gap che deriva – sempre secondo Redmond – dalla scarsa disponibilità di sviluppatori mobile rispetto alla richiesta, dalla difficoltà di connettere i dati presenti sul cloud e quelli sui sistemi on-premise, e dai problemi connessi alla condivisione delle app tramite gli app store controllati da remoto dalle grandi corporazioni di settore.

Con PowerApps, spiega Microsoft, creare nuove app su misura delle esigenze aziendali diventa facile come creare una presentazione PowerPoint con drag&drop degli elementi pertinenti, ed è ovviamente possibile connettere la propria app con i database locali (SQL Server, Oracle, SAP eccetera) e quelli cloud (Office 365, Salesforce, OneDrive, Dropbox eccetera) contemporaneamente.

Grazie a PowerApps, sostiene Redmond, qualunque dipendente può sviluppare app tramite un’interfaccia grafica con tanto di template predefiniti; una volta terminato lo “sviluppo”, la app può essere condivisa e distribuita (tramite URL) con la app ufficiale PowerApps disponibile su iOS, Android e Windows Phone/10 Mobile.

Il reparto IT aziendale può naturalmente avere l’ultima parola nell’accesso al servizio, mentre i “veri” sviluppatori di codice che non hanno bisogno di un’interfaccia semplificata potranno sfruttare l’offerta App Service disponibile su piattaforma Azure.