Apple lavora a un chip ARM per i Mac

Apple lavora a un chip ARM per i Mac

Scoop di Bloomberg su quanto stanno sviluppando a Cupertino per la prossima generazione dei loro PC. Ma l’addio alle CPU Intel è ancora molto lontano

 

Le fonti anonime di Mark Gurman e Ian King, le cui dichiarazioni sono riportate in un articolo su Bloomberg, parlano chiaro: Apple è impegnata sempre di più a costruire hardware su misura delle proprie esigenze, e questa volta punta a migliorare le performance energetice dei Macbook di prossima generazione. Sono almeno 12 mesi che i tecnici di Cupertino sono al lavoro ma, almeno per ora, quello a cui si applicano è un chip che collaborerà con la CPU Intel per far funzionare al meglio i PC della Mela.

Tra le qualità più pubblicizzate dal marketing Apple c’è già l’autonomia del suo hardware: i MacBook sono i laptop che riescono a spremere più di tutti la singola carica della batteria integrata, con una durata di moltissime ore e funzioni avanzate per l’aggiornamento delle email e del software presente a bordo anche mentre il coperchio è chiuso e il dispositivo è in standby. Power Nap, così si chiama la funzione che permette di mantenere attivo il Mac a schermo spento, con un consumo minimo di batteria, e che alla riaccensione mostra materiale e app aggiornate all’utente.

Quello a cui stanno lavorando gli ingegneri è un chip ARM che sovrintenda agli stati di power management del Mac, proprio durante lo standby: nome in codice T310, verrebbe montato sulla logic board dei portatili (la mother board da sempre si chiama così nei prodotti Apple), per funzionare in collaborazione con la tradizionale CPU prodotta da Intel e il chipset che gestisce in parallelo anche tutti i vari canali di input/output. È già stato fatto un esperimento in tal senso: la Touch Bar presente sull’ultima generazione di Macbook, lanciata a ottobre 2016, è gestita appunto da un chip ARM sviluppata dalla stessa Apple allo scopo.

Un anno di lavorazione alle spalle è abbastanza per pensare, secondo le fonti di Bloomberg, per un debutto di questo chip direttamente nell’aggiornamento 2017 dei MacBook: oltre agli aggiornamenti consueti di CPU (Kaby Lake) e RAM (si arriverà a 32GB?), ci potrà essere anche una nuova modalità Power Nap che consumi ancora meno e permetta di lasciare il Mac in standby per tantissimo tempo pur garantendo di trovarlo perfettamente aggiornato alla riaccensione. Per sfruttare al meglio il nuovo hardware sarebbe indispensabile anche adeguare il software: ma con la piattaforma software che ha messo in piedi Apple, Swift in primis, potrebbe essere una questione di pochi clic mettere in piedi estensioni appositamente compilate per sfruttare le qualità del chip ARM.

Naturalmente l’aggiornamento hardware potrebbe coinvolgere anche i desktop, ovvero l’iMac, dove non c’è batteria ma per i quali una diminuzione dei consumi potrebbe essere comunque una bella notizia da verificare poi in bolletta. In ogni caso, è ancora presto per pensare alla autarchia hardware e software: per molto tempo ancora i Mac continueranno a girare su piattaforma Intel, con l’ausilio soltanto dell’hardware ARM.

Salva

Salva

Salva

Acer, trittico hardware per Windows 10

Acer, trittico hardware per Windows 10

Acer, trittico hardware per Windows 10

La corporation taiwanese si unisce ai produttori statunitensi nel presentare il nuovo hardware pensato per Windows 10, dispositivi che aggiornano il passato per offrire – sostiene Acer – un’esperienza in grado di soddisfare i sensi.

Dopo HP e Dell, anche Acer ha svelato quelli che dovrebbero essere i prodotti di punta della nuova linea di dispositivi dedicati a Windows 10. La corporation asiatica promette un’esperienza ottimizzata per il nuovo OS universale di Microsoft con touchpad “intelligente”, tecnologia ColorBlast per colori “professionali” e suoni più nitidi grazie alla tecnologia TrueHarmony.

In sostanza, l’offerta natalizia di Acer per il mercato di Windows 10 include come prodotti di punta la nuova edizione del convertibile Aspire R14, un all-in-one (AIO) dalle caratteristiche insolite (Aspire Z3-700) e il phablet Jade Primo – uno dei primi gadget mobile basati su Windows 10 non sviluppati direttamente da Microsoft (Lumia).

Acer Aspire R14 è dotato di cardini più sottili e si piega come sempre a 360 gradi, con quattro modalità di utilizzo differenti (laptop, tablet, a tendina, display) in relazione al tipo di inclinazione impostata; l’hardware include le CPU Intel Core di sesta generazione Skylake, 8 GB di RAM DDR3 e DSP Purified Voice per comunicare meglio con Cortana.

Aspire Z3-700 è poi un AIO con display Full HD da 17,3 pollici votato alla flessibilità, visto che è possibile usarlo anche come un tablet “gigante” (un volta reclinato il supporto sul retro) ed è anche dotato di una batteria interna della durata di 5 ore; anche qui l’hardware aggiornato include CPU Skylake, 8 Gigabyte di RAM e storage a scelta fra SSD e HDD.

Il prezzo in Europa di Aspire R14 va dagli 800 euro a salire, mentre Aspire Z3-700 costerà un minimo di 600 euro. Nessuna notizia invece sul costo di Jade Primo, smartphone Windows 10 con display da 5,5″ (Full HD), SoC ARM a otto core (Cortex-A57) e supporto – come tutti i gadget Windows 10 Mobile – alla modalità Continuum tramite apposito dock esterno.

Acer è uno dei partner storici di Microsoft quando si parla di mercato PC, ma in questi giorni il settore deve fare i conti con le conseguenze della presentazione dell’hardware “fatto in casa” di Redmond che ha esteso la linea Surface con il convertibile Surface Book. Microsoft rassicura ma gli OEM sembrano diffidare, mentre resta tutto da verificare l’appeal del nuovo dispositivo (un tablet che vuole essere anche un laptop) in un mondo consumer che continua a premiare il brand di Apple.