Cisco prevede il futuro del mobile

Cisco prevede il futuro del mobile

La corporation statunitense aggiorna le sue previsioni sui trend della connettività prossima ventura, con il mobile a giocare un ruolo sempre più da protagonista. Crescono le connessioni, la velocità e i dati consumati.

 Cisco Systems ha pubblicato la nuova versione del suo Visual Networking Index (VNI) Forecast, studio periodicamente aggiornato che illsutra i trend di crescita della connettività globale da qui ai prossimi cinque anni. Di particolare rilevanza, nell’edizione 2017, il VNI per le reti mobile con un’evoluzione (prevista) del mercato a dir poco sostenuta.

Entro il 2021, sostiene Cisco, il traffico dati veicolato dalle reti mobile raggiungerà i 49 exabyte mensili o 587 exabyte annuali, uno scambio di informazioni che rappresenterà il 20 per cento di tutto il traffico IP contro l’8 per cento attuale. In cinque anni il traffico mobile sarà cresciuto di 122 volte rispetto a quello generato nel 2011, anche se le diverse macro-aree del pianeta contribuiranno in maniera diversa.

Il traffico generato da Medio Oriente e Africa dovrebbe infatti sperimentare in incremento di 12 volte rispetto a quello attuale, prevede ancora il produttore americano, in Asia e Pacifico si assisterà a un aumento di 7 volte mentre America Latina ed Europa cresceranno di sei volte. Negli States l’aumento sarà “appena” del 500 per cento.

I fattori che più contribuiranno all’esplosione del mobile includono la crescita degli utenti che fanno uso delle reti cellulari – 5,5 miliardi nel 2021, 4,9 miliardi nel 2016 – il numero di dispositivi interconnessi – 12 miliardi contro 8 – e reti più veloci con una media di 20,4 Mbps contro gli attuali 6,8 Mbps.

Cisco prevede infine una crescita significativa della connettività “machine-to-machine” (M2M), ambito nel quale i bot la faranno da padroni e la Internet delle Cose contribuirà a intasare il 29 per cento di tutte le connessioni mobile (3,3 miliardi) contro l’attuale 5 per cento (780 milioni). Nel 2021 le reti 4G saranno la maggioranza (58 per cento contro il 26 per cento del 2016) contro un magrissimo 1,5 per cento del 5G, anche se la quantità di traffico generata sarà ovviamente molto superiore.

Salva

Oculus Rift, aspettative e attese

Oculus Rift, aspettative e attese

Oculus Rift

Il caschetto per la realtà virtuale giungerà con ritardo per una parte di coloro che lo hanno ordinato, a causa di problemi logistici. Nel frattempo c’è chi si intrattiene analizzandone le condizioni d’uso

Le ordinazioni sono state aperte nel mese di gennaio, i primi esemplari di Oculus Rift destinati al mercato consumer sarebbero dovuti essere consegnati nei primi giorni di aprile, con le spedizioni in partenza alla fine di marzo. Qualcosa, però, è andato storto nella catena logistica.
Coloro che hanno stanziato 600 dollari (o oltre 740 euro) per aggiudicarsi un esemplare del caschetto per la VR, nei giorni scorsi sono stati informati del fatto che avrebbero ricevuto una notifica nel momento in cui l’ordine sarebbe stato evaso. I mormorii, sull’onda delle aspettative deluse, si sono trasformati in polemiche e l’intervento su Twitter e su Reddit del fondatore di Oculus Palmer Luckey non è servito a placarle, anzi.

Coloro che hanno effettuato gli ordini hanno ricevuto nelle scorse ore una email nella quale si attribuisce il ritardo ad una non meglio precisata “inattesa indisponibilità di componenti” e a mo di risarcimento il CEO di Oculus ha promesso la spedizione gratuita a tutti coloro che abbiano ordinato Rift tra gennaio e il primo giorno di aprile.

Facebook, che ha acquisito Oculus nel 2014, stima di conquistare entro il 2016 600mila utenti per Oculus Rift, 2,7 milioni entro il 2017, nel contesto di un mercato che si sta popolando di offerte per i consumatori della prima ora.
Le sfide che i dispositivi per la realtà virtuale dovranno dimostrare di vincere per affermarsi sul mercato di massa sono ancora numerose, e non solo puramente tecnologiche: immergersi in scenari virtuali, come dimostrano le condizioni d’uso di Oculus, potrebbe dare origine a nuovi attriti con questioni trasversali come il diritto alla privacy.

Pepsi, Android al gusto Lollipop

Pepsi, Android al gusto Lollipop

Il marchio della bevanda assocerà il suo nome ad un dispositivo destinato al mercato cinese: si chiamerà Pepsi P1 e si collocherà fascia media.

Pepsi, Android al gusto Lollipop

Anticipato da diverse indiscrezioni, PepsiCo. ha annunciato il prossimo lancio di un proprio smartphone con sistema operativo Android sul mercato cinese.

Il marchio della cola si limiterà ad associarsi al device “come già fatto con altri prodotti ed accessori recentemente commercializzati col marchio Pepsi”. A partire dal nome, Pepsi P1: la produzione rimarrà in capo ad un’azienda locale.

A livello di caratteristiche, il dispositivo non dovrebbe discostarsi dagli altri dispositivi Android 5.1 Lollipop di fascia media: ad un prezzo di circa 200 dollari, avrà uno schermo da 5,5 pollici e 1080p, un processore 1,7 GHz, memoria interna da 16 GB, 2GB di RMA ed una batteria da 3,000mAh.

Pepsi, Android al gusto Lollipop2

Il terminale Android brandizzato Pepsi arriverà sul mercato entro la fine di ottobre (si parla del 20) e non può che far pensare alla versione del sistema operativo di Google soprannominata Kit Kat: un marchio che, in questo caso, ha legato il proprio nome direttamente a quello del sistema operativo sviluppato a Mountain View.

 

Uber, tregua newyorchese e dubbi europei

Uber, tregua newyorchese e dubbi europei

uber

Il sindaco della Grande Mela rinuncia alle restrizioni con cui pensava di colpire l’app. E decide di studiarne comportamenti ed effetti prima di prendere decisioni a riguardo. La Spagna, invece, chiede aiuto all’Europa.

New York, la città iconograficamente collegata ai taxi gialli, ha deciso di non chiudere la portiera in faccia alle nuove auto di Uber, cercando di capire se si tratti effettivamente di un nuovo servizio utile alla collettività o di un escamotage per entrare in concorrenza con i tassisti senza avere le necessarie licenze, aggravando i problemi di traffico.

Dunque, mentre in California le autorità competenti minacciano lo stop ed una multa salata per l’app del car sharing se non si adeguerà ad alcune richieste del regolatore rendendosi disponibile alla condivisione dei dati legati agli autisti ed alle corse offerte, New York ha scelto la strada della diplomazia per affrontare la sfida rappresentata dai servizi di Uber.

A decidere di ammorbidire la linea anti-Uber è stato il sindaco De Blasio, che ha fatto cadere il piano che prevedeva l’imposizione di una diminuzione del numero di veicoli Uber per le strade di New York e che rappresentava la conclusione di un duro scontro che proseguiva da diversi giorni e che aveva visto il sindaco strattonato fra le proteste dei tassisti e l’aggressiva contropubblicità di Uber che lo aveva tirato direttamente in ballo, con anche diverse celebrità schierate con il servizio di car sharing.

Il tutto si risolve, per il momento, con un accordo con Uber per monitorare la situazione per quattro mesi e condurre uno studio sui suoi effetti sul traffico di New York ed in generale sull’offerta di trasporto della città.

In base all’accordo sottoscritto con il Sindaco, Uber dovrà fornire all’amministrazione comunale una serie di dati circa le sue attività, ma potrà continuare a circolare senza le minacciate restrizioni sul numero di vetture della sua flotta.

Almeno uno studio sugli effetti di Uber, peraltro, già c’è, finanziato proprio dalla compagnia di car sharing: secondo quanto vi si legge, portando a testimonianza gli orari di maggior utilizzo, sono i taxi ad offrire il 90 per cento delle loro corse a Manhattan (che rimane inesorabilmente imbottigliata) negli orari di punta, contro circa la metà degli autisti Uber che servono piuttosto le zone meno centrali.

Approfondendo un aspetto di tali numeri, peraltro gli osservatori notano che pur essendo una percentuale minore rispetto ai tassisti, Uber infila nel traffico esasperato di Manhattan nell’ora di punta poco più di 1900 autisti, che si sommano ad una situazione già critica.
La domanda, dunque, in realtà, resta: in mancanza di Uber i passeggeri di queste autovetture si muoverebbero con taxi, con le proprie auto o con i mezzi pubblici?

Nel frattempo, almeno una compagnia di taxi newyorkese è fallita, anche a causa della concorrenza diretta di Uber: nel presentare domanda per la procedura di fallimento Chapter 11, Evgeny Freidman – proprietario di una delle flotte più grandi di taxi di New York – nomina più volte Uber, riconoscendola come causa del suo fallimento.

Quella della California e lo studio newyorkese non rappresentano certo l’unica minaccia per Uber, ormai conscio di tutti i possibili ingorghi amministrativi e legali che incombono sul suo tragitto: in Europa, per esempio, oltre ai blocchi tedeschi, a quello italiano ed all’interessamento da parte delle istituzioni di Bruxelles alla questione, per esempio, se la deve vedere con un processo spagnolo che ha richiesto l’intervento dei tribunali europei.

Il caso vede Uber chiamata in tribunale da un tassista di Barcellona e ora i giudici catalani si sono rivolti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea per chiedere se Uber può essere equiparato ad un mero servizio di trasporto o rappresenta un servizio digitale, come vorrebbe la startup a stelle e strisce.

Oculus, a mani basse sul mercato

Oculus, a mani basse sul mercato

oculus

La succursale “virtuale” di Facebook ingloba aziende esterne specializzate nel tracciamento delle mani, mentre stringe accordi per costruire un catalogo di “esperienze” VR dal sapore cinematografico.

È ancora tempo di acquisizioni per Oculus VR, la società inglobata da Facebook e ora impegnata a migliorare l’esperienza di realtà virtuale che dovrebbe presto essere disponibili agli acquirenti del caschetto Rift.

L’ultimo “boccone” di Oculus VR si chiama Pebbles Interfaces, azienda israeliana attiva da cinque anni e specializzata in “ottiche, sistemi di sensori e algoritmi custom per riconoscere e tracciare il movimento delle mani”: il valore economico dell’operazione è ignoto, mentre i fondi di investimento raccolti da Pebbles nel 2013 ammontavano a 11 milioni di dollari.

La possibilità di identificare e tracciare il movimento libero delle mani nel mondo virtuale rappresenterebbe indubbiamente un’aggiunta significativa all’esperienza VR di Oculus Rift, offrendo un livello di immersione maggiore anche rispetto al recentemente presentato controller Oculus Touch e progettato appunto per il tracking dei comandi manuali.

Il sistema di tracciamento di Pebbles non richiede invece alcun controller esterno, e la società israeliana è solo l’ultima acquisizione (in ordine di tempo) di Oculus in quello che evidentemente il tentativo di migliorare l’immersione VR dei clienti del futuro Rift.

Oculus VR è altresì impegnata a migliorare l’esperienza virtuale di Rift anche per qual che riguarda i contenuti, aspetto che ha già iniziato ad esplorare e che sta consolidando con una partnership con Felix & Paul Studios per la produzione di un numero imprecisato di “esperienze” in VR di stampo cinematografico: la realizzazione di “film in realtà virtuale” è appunto il campo di specializzazione dell’azienda.