Fotor Photo Editor

Fotor Photo Editor

Fotoritocco multipiattaforma con filtri preconfezionati, ma con funzioni interessanti. Provato per OSX.

Fotor Photo Editor

Con Apple, si sa, per avere la migliore integrazione tra computer, mobile e cloud, occorre utilizzare i prodotti di Cupertino; ma proprio a Cupertino hanno ideato il concetto di App Store, che porta con sé la possibilità di utilizzare molte più applicazioni per realizzare quel che si vuole, e questo concetto vale anche per i software di fotoritocco, campo in cui la casa della Mela si è sempre distinta.
L’applicazione di cui parliamo oggi è Fotor, software che non ha certo la pretesa di volersi sostituire a Foto di Apple (il cui scopo è principalmente quello di archiviare le proprie foto e permetterne la condivisione in cloud con tutti i dispositivi Apple) ma piuttosto quello di realizzare delle operazioni complementari rispetto a ciò che può fornire il software incluso in OSX.

Compatibile per OS X 10.6 e successivi (64 bit), Fotor consente fondamentalmente di effettuare tre tipi di operazione: modificare un’immagine, realizzare un collage di più foto, o eseguire un’operazione “batch” capace di applicare una serie di modifiche ad un insieme di foto. L’editor offre un’interfaccia molto semplice ed immediata che consente di scegliere tra numerose opzioni di regolazione dell’immagine e un numero anche più ampio di filtri ed effetti per ogni gusto. Il rovescio della medaglia è che questi effetti non offrono alcuna opzione di personalizzazione, se non sull’intensità dell’applicazione del filtro stesso. Rispetto a Foto di OSX ci sono molti più filtri, ma sono tutti preconfezionati senza opzione di scelta: prendere o lasciare, soluzione che sicuramente farà storcere il naso a chi preferisce un approccio più personale alla post-produzione fotografica.La seconda modalità di lavoro di Fotor è quella che offre la possibilità di realizzare una composizione fotografica con più immagini, opzione totalmente preclusa in Foto (a meno di realizzare album o calendari da stampare). Anche qui le opzioni sono semplici e immediate, ed è anche possibile effettuare dei piccoli aggiustamenti sulle foto utilizzate nel collage.L’ultima modalità di lavoro di Fotor è quella forse più potente: in un colpo solo potete dare in pasto al software una cartella di immagini e richiedere che vengano applicate a tutte le foto che essa contiene una serie di modifiche, che possono riguardare sia le comuni operazioni di ridimensionamento o conversione, sia l’applicazione di uno o più effetti di quelli messi a disposizione dell’applicazione. Si tratta una funzione estremamente utile in molte circostanze, per esempio quando si deve preparare una lunga serie di immagini per il web, secondo determinati standard di formato e dimensione.

Infine, una delle caratteristiche apprezzabili di Fotor è che possiamo trovarlo su tutte le piattaforme, fra cui iOS e Android per il mobile, e Windows: chi apprezza gli strumenti che offre, li può ritrovare pressoché identici in ogni sistema.

Screenshot Facile

Screenshot Facile

Per catturare schermate dal proprio dispositivo Android, e personalizzare l’acquisizione.

Screenshot Facile

A volte capita che si voglia “catturare” il contenuto del display del proprio dispositivo e salvarlo come immagine.
Può essere utile, ad esempio, al programmatore che deve mostrare il layout della sua nuova app, all’utente che ha la necessità di condividere con un centro di assistenza lontano il modo in cui si manifesta un malfunzionamento software o agli autori di un post come questo che devono documentare con immagini la recensione di un’applicazione.

Nonostante sia possibile catturare screenshot senza bisogno di software aggiuntivi, Screenshot Facile è un’app che svolge questo compito e lo fa così bene da essersi conquistata una discreta fama tra l’utenza Android. Realizzare uno screenshot è un po’ come fotografare, pertanto l’applicazione deve fornire dei meccanismi di scatto comodi. In questo caso, si dovrà tenere premuto per almeno due secondi contemporaneamente il tasto accensione e quello per l’abbassamento del volume o, in alternativa, tasto accensione e Home. Prima di svolgere l’operazione si deve però attivare il servizio che gira “dietro le quinte” semplicemente cliccando il pulsante che si trova aprendo l’interfaccia di Screenshot Facile.Il comportamento dell’app può essere personalizzato mediante una serie di opzioni raggiungibili da un menù interno. Curano vari aspetti sia relativi all’interfaccia sia relativi al funzionamento.Tra questi ultimi si può impostare l’avvio al boot del servizio di acquisizione, il formato dei nomi di file, la loro estensione (di default gli screenshot sono PNG) o la collocazione del salvataggio (default: la cartella Pictures della memoria di massa).
Come si è detto all’inizio non tutti gli utenti hanno la necessità di dover catturare il contenuto del display, ma qualora capitasse si cercherà un programma semplice, gratuito e efficiente proprio come Screenshot Facile.

 

 

Mozilla e la zavorra di Thunderbird

Mozilla e la zavorra di Thunderbird

Il supporto, seppur limitato, allo storico client di posta elettronica rappresenta per la Fondazione una dispersione di risorse. Per questo Mozilla sta valutando la possibilità di esternalizzarne la gestione.

 

Mozilla

Che il client email Thunderbird rappresentasse per Mozilla un obiettivo non prioritario è cosa nota già da tempo: lo sviluppo del codice, fin dal 2012, è stato affidato alla community, mentre gli sviluppatori della Fondazione si limitano a manutenerlo. Ora i vertici di Mozilla contemplano la possibilità di affidarne a terzi la gestione: è prioritario che il team di sviluppatori di Mozilla si concentri su Firefox e altri prodotti che sappiano offrire più prospettive per il futuro.

In un messaggio indirizzato alla community la chairwoman Mitchell Baker descrive il supporto a Thunderbird come “una tassa da pagare”, una zavorra che pesa sullo sviluppo di Firefox: il client di posta elettronica lanciato nel lontano 2003 viene ora manutenuto da Mozilla nella sola modalità Extended Support Release, con cui garantisce aggiornamenti di sicurezza soprattutto a favore delle aziende. Si tratterebbe in ogni caso di un impegno consistente, per gli sviluppatori che si dedicano a Thunderbird ma anche per gli stessi sviluppatori di Firefox, a cui spesso viene richiesto di offrire assistenza a coloro che sono attivi nell’aggiornare il client di posta elettronica.

“Credo che Thunderbird potrebbe avere più fortuna separandosi dalla dipendenza dei meccanismi di sviluppo di Mozilla – scrive Baker – in alcuni casi, dalla tecnologia di Mozilla”. La chairwoman non è esplicita nel suggerire piani per il futuro, ma propone di “cominciare a prendere attivamente in considerazione le modalità con cui si possa effettuare una trasizione ordinata verso un futuro in cui Thunderbird e Firefox viaggino su binari separati”.

Più diretto è invece l’executive director della Findazione Mark Surman, che comunica che Mozilla è in contatto con “almeno una organizzazione che sta prendendo in considerazione l’idea di supportare Thunderbird”. Surman assicura alla community che il progetto non verrà abbandonato a se stesso: “dobbiamo investire del tempo e delle risorse per immaginare un buon futuro per Thunderbird”.

Datagate, il ruolo degli operatori

Datagate, il ruolo degli operatori

AT.T e Verizon sarebbero stati determinanti nelle operazioni di sorveglianza di massa dell’NSA.

Datagate

Nuove rivelazioni, trapelate dall’archivio dei documenti trafugati dall’ex-contractor NSA Edward Snowden, mostrano il ruolo determinante svolto dai carrier Verizon e AT.T nelle attività di tecnocontrollo dell’intelligenze statunitense.

Mentre la politica ha cercato di imporre limiti alla sorveglianza di massa dei suoi servizi segreti attraverso la riforma del Patriot Act firmata da Barack Obama lo scorso giugno, nei nuovi documenti dellaNational Security Agency (NSA) trapelati online e che rientrano nel filone del cosiddetto datagate si legge della collaborazione che legava le telco alle spie a stelle e strisce: proprio tale partnership – avviata all’indomani dell’11 settebre – avrebbe permesso all’NSA di mettere in piedi il suo programma di intercettazione di massa.

Nei documenti in realtà si parla di programmi Fairview e Stormbew, senza nominare direttamente i carrier legati ad essi: tuttavia secondo un’indagine condotta dal New York Times e da ProPublica essi sarebbero ricondubibili rispettivamente a AT.T e Verizon. Una supposizione basata soprattutto sui numeri di utenti chiamati in causa dai due programmi.

La collaborazione di AT.T e di Verizon avrebbe permesso alle spie di avere accesso alle comunicazioni Internet internazionali e che si tenevano fuori dal suolo degli Stati Uniti, ma che passavano comunque sulle connessioni degli hub con sede negli Stati Uniti.

Nei documenti si legge infatti che AT.T ha collaborato in numerose attività classificate tra il 2003 ed il 2013, dando – con diverse modalità tecniche – accesso all’NSA a miliardi di email scambiate attraverso la sua rete domestica ed alle registrazioni più di 1,1 miliardi di telefonate al giorno. Inoltre AT.T avrebbe collaborato con le spie per agevolere il processo di ottenimento dei permessi necessari a condurre le intercettazioni delle comunicazioni Internet.

Non basta: AT.T avrebbe installato dispositivi per le intercettazioni in 17 dei suoi hub statunitensi ed il budget top secret stanziato da NSA per la partnership con AT.T sarebbe stato, per il solo 2013, più del doppio di quello stanziato per il programma immediatamente meno caro. Infine, i tecnici AT.T sarebbero stati i primi a sperimentare alcune tecnologie per le intercettazione sviluppate dalle spie a stelle e strisce.

 

Nextbit, c’è un nuovo smartphone in città

Nextbit, c’è un nuovo smartphone in città

Ex-Google ed ex-HTC assieme per un nuovo modello di sviluppo. L’annuncio del primo terminale il prossimo settembre.

Nextbit

Provare a scalare la vetta del mercato seguendo una strada diversa: i proclami del management di Nextbit, azienda sconosciuta ai più che ha ottenuto però già un buon successo con un software per il backup su Android venduto in Giappone, sono sfrontati e arrembanti. Puntano diritto a scardinare l’attuale equilibrio dell’ecosistema mobile, al momento dominato da Samsung ed Apple con quest’ultima l’unica a fare davvero tanti quattrini con la vendita di smartphone.

Per ottenere questo risultato, che c’è da dire è piuttosto ambizioso, Nextbit ha messo insieme una squadra completa: ci sono ex-googler che arrivarono a Mountain View con l’acquisizione di Android, dunque conoscono meglio di molti altri le qualità e le capacità del sistema operativo mobile del robottino verde. Poi c’è l’ex-HTC Scott Croyle, uno dei designer artefice dell’apprezzato One M7: si tratta di uno dei primi smartphone in circolazione interamente realizzato in metallo, ed è facile immaginare che anche lo smartphone Nextbit sarà realizzato in materiali pregiati.

In una intervista rilasciata a ZDNet, il CEO di Nextbit Tom Moss non si sbilancia troppo per quanto attiene le caratteristiche tecniche ed estetiche dello smartphone: però mette in chiaro che l’azienda punterà molto sullo sviluppo software della piattaforma anche e soprattutto dopo la messa in vendita. In un certo senso il terminale migliorerà col tempo, visto che il team di sviluppo continuerà a elaborare modifiche e miglioramenti per il dispositivo: al contrario di quanto accade normalmente oggi nella maggioranza dei casi, l’idea di Nextbit è di cercare di staccarsi dalla base di Android per migliorare performance e funzioni, senza tuttavia perdere di vista l’esperienza utente elaborata a Mountain View in questi anni.

Tutto questo dovrebbe servire a rendere il prodotto Nextbit meno incline a una obsolescenza precoce, senza tuttavia inserirlo in un universo parallelo come accaduto al Fire di Amazon. Questo assieme al design dovrebbe convincere gli utenti a sborsare una cifra superiore alla media, riconducibile comunque nella fascia di mercato compresa tra 300 e 400 dollari: con un prezzo simile ci dovrebbero essere margini bastanti a ripagare i costi di sviluppo e generare anche un profitto, indispensabile per tenere a galla le ambizioni di Nextbit.

L’annuncio del primo smartphone dell’azienda, che conta anche Google Ventures tra i suoi investitori, avverrà il 1 settembre prossimo.

Uber, tregua newyorchese e dubbi europei

Uber, tregua newyorchese e dubbi europei

uber

Il sindaco della Grande Mela rinuncia alle restrizioni con cui pensava di colpire l’app. E decide di studiarne comportamenti ed effetti prima di prendere decisioni a riguardo. La Spagna, invece, chiede aiuto all’Europa.

New York, la città iconograficamente collegata ai taxi gialli, ha deciso di non chiudere la portiera in faccia alle nuove auto di Uber, cercando di capire se si tratti effettivamente di un nuovo servizio utile alla collettività o di un escamotage per entrare in concorrenza con i tassisti senza avere le necessarie licenze, aggravando i problemi di traffico.

Dunque, mentre in California le autorità competenti minacciano lo stop ed una multa salata per l’app del car sharing se non si adeguerà ad alcune richieste del regolatore rendendosi disponibile alla condivisione dei dati legati agli autisti ed alle corse offerte, New York ha scelto la strada della diplomazia per affrontare la sfida rappresentata dai servizi di Uber.

A decidere di ammorbidire la linea anti-Uber è stato il sindaco De Blasio, che ha fatto cadere il piano che prevedeva l’imposizione di una diminuzione del numero di veicoli Uber per le strade di New York e che rappresentava la conclusione di un duro scontro che proseguiva da diversi giorni e che aveva visto il sindaco strattonato fra le proteste dei tassisti e l’aggressiva contropubblicità di Uber che lo aveva tirato direttamente in ballo, con anche diverse celebrità schierate con il servizio di car sharing.

Il tutto si risolve, per il momento, con un accordo con Uber per monitorare la situazione per quattro mesi e condurre uno studio sui suoi effetti sul traffico di New York ed in generale sull’offerta di trasporto della città.

In base all’accordo sottoscritto con il Sindaco, Uber dovrà fornire all’amministrazione comunale una serie di dati circa le sue attività, ma potrà continuare a circolare senza le minacciate restrizioni sul numero di vetture della sua flotta.

Almeno uno studio sugli effetti di Uber, peraltro, già c’è, finanziato proprio dalla compagnia di car sharing: secondo quanto vi si legge, portando a testimonianza gli orari di maggior utilizzo, sono i taxi ad offrire il 90 per cento delle loro corse a Manhattan (che rimane inesorabilmente imbottigliata) negli orari di punta, contro circa la metà degli autisti Uber che servono piuttosto le zone meno centrali.

Approfondendo un aspetto di tali numeri, peraltro gli osservatori notano che pur essendo una percentuale minore rispetto ai tassisti, Uber infila nel traffico esasperato di Manhattan nell’ora di punta poco più di 1900 autisti, che si sommano ad una situazione già critica.
La domanda, dunque, in realtà, resta: in mancanza di Uber i passeggeri di queste autovetture si muoverebbero con taxi, con le proprie auto o con i mezzi pubblici?

Nel frattempo, almeno una compagnia di taxi newyorkese è fallita, anche a causa della concorrenza diretta di Uber: nel presentare domanda per la procedura di fallimento Chapter 11, Evgeny Freidman – proprietario di una delle flotte più grandi di taxi di New York – nomina più volte Uber, riconoscendola come causa del suo fallimento.

Quella della California e lo studio newyorkese non rappresentano certo l’unica minaccia per Uber, ormai conscio di tutti i possibili ingorghi amministrativi e legali che incombono sul suo tragitto: in Europa, per esempio, oltre ai blocchi tedeschi, a quello italiano ed all’interessamento da parte delle istituzioni di Bruxelles alla questione, per esempio, se la deve vedere con un processo spagnolo che ha richiesto l’intervento dei tribunali europei.

Il caso vede Uber chiamata in tribunale da un tassista di Barcellona e ora i giudici catalani si sono rivolti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea per chiedere se Uber può essere equiparato ad un mero servizio di trasporto o rappresenta un servizio digitale, come vorrebbe la startup a stelle e strisce.

Wikipedia non può diffamare il Moige

Wikipedia non può diffamare il Moige

Il Tribunale di Roma ricorda che, al limite, a diffamare potrebbero essere gli utenti. E se il Moige si è scontrato con i Wikipediani nel tentativo di apportare le modifiche alla propria pagina, la community ha saputo agire per adeguarsi alla legge.

Wikipedia

Wikipedia non può diffamare il Moige

La pagina di Wikipedia dedicata al Moige è negli anni evoluta, oggetto di discussione e dibattito fra gli utenti della Rete che hanno contribuito a plasmarla: piaccia o non piaccia al Movimento Italiano Genitori, non c’è modo di costringere Wikimedia ad intervenire per rimuoverla.

Era il 2011 quando il Moige aveva denunciato la Fondazione Wikimedia chiedendo la rimozione dalla pagina dedicata di alcuni stralci che ne avrebbero trasmesso un'”immagine negativa”, quella di un’associazione composta da un “manipolo di bigotti, antiliberali, antidemocratici e persino violenti”, “parificabile a quella di bigotti censori”. L’associazione, traspare dalla discussione relativa alla pagina, si scagliava in particolare con la mancanza di fonti a cui attribuire certe critiche relative alla sua presenza e pressione mediatica. Sollevava poi la necessità di rimuovere delle citazioni estratte da una precedente versione del sito ufficiale, nello specifico degli stralci di un corso di educazione sessuale che l’associazione, nel 2004, aveva ritenuto opportuno cancellare dal proprio sito.

Il Moige spiegava di aver inviato a Wikimedia “richieste scritte e diffide”, riferiva di aver “tentato di effettuare, sia prima che dopo l’instaurazione del giudizio, la procedura di modifica della pagina in contestazione secondo quanto previsto dal sito stesso dell’enciclopedia, il tutto senza l’esito auspicato ed il conseguente blocco dell’account degli utenti che avevano proceduto in tal senso per conto del Moige”. Non avendo sortito risultati il Movimento Genitori chiedeva al tribunale di intervenire per imporre a Wikimedia la rimozione della pagina in questione, per ottenere un risarcimento di 200mila euro che riparasse alla “descrizione proposta sulle relative pagine, asseritamente lesiva del nome, dell’immagine e della reputazione dell’ente”, da sommarsi a 1000 euro per ogni giorno di inadempienza. Non bastasse l’accusa di diffamazione, a supporto delle proprie istanze, il Moige invocava un non meglio precisato “diritto all’oblio, quale aspetto della riservatezza”, aspetto della riservatezza che spetta però ai motori di ricerca tutelare, come previsto dalla sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

Mentre gli utenti si mobilitavano per adeguare la voce in questione ai principi dettati dall’Enciclopedia Libera, Wikimedia era intervenuta per ribadire il proprio ruolo di hosting provider, neutro intermediario che si limita a ospitare contenuti creati dagli utenti che la popolano con gli strumenti che essa stessa mette a disposizione, e in quanto tale soggetta alla responsabilità solo nel momento in cui le venga richiesto di agire dall’autorità giudiziaria o da un’autorità amministrativa sulla base di quanto prescrive il noto Decreto legislativo 70/2003.

“La domanda di parte attrice deve ritenersi infondata e non può quindi essere accolta sotto alcun profilo”, ha stabilito ora il giudice monocratico Damiana Colla del Tribunale di Roma, che sottolinea come Wikimedia abbia descritto e inquadrato perfettamente la posizione di Wikipedia. “È evidente che l’hosting provider si pone in posizione neutra rispetto al contenuto delle informazioni inserite dagli utenti” spiega il giudice, che riconosce altresì che “incidere sulle voci enciclopediche pubblicate” sia un'”attività che rimane demandata esclusivamente agli utenti, al di fuori di ogni controllo preventivo e/o successivo” da parte di Wikimedia, come ben illustra il disclaimer.

Wikimedia, spiega il giudice, “chiarisce di non poter garantire in alcun modo la validità delle informazioni pubblicate, con una chiara presa di distanze dalla verità dei fatti riportati nelle singole voci”, elemento che la community si incarica di garantire: per questo motivo non si configura alcun tipo di condotta omissiva e si esclude la responsabilità della Fondazione a titolo di concorso nella diffamazione.

“Eventualmente responsabili di condotte diffamatorie sono infatti i singoli utenti, dei quali viene peraltro conservato dal provider l’indirizzo a scopo cautelativo”: il Moige potrebbe rivalersi su di loro, ma dovrebbe altresì riconoscere che la community ha saputo far evolvere la pagina dedicata, offrendo delle fonti e delle precisazioni che l’hanno avvicinata alla realtà dei fatti.

Il giudice riconosce che Movimento Genitori, come altresì raccomandato nel contesto del caso legale sollevato con l’accusa di diffamazione da parte di Cesare Previti e conclusosi a favore di Wikimedia, ha tentato di muoversi nella giusta direzione, operando nel contesto di Wikipedia, con gli strumenti messi a disposizione da Wikipedia. Se invece ha lamentato censure e ostruzionismo da parte dei Wikipediani, osserva il magistrato, potrebbe non aver compreso le regole che sorreggono l’Enciclopedia Libera: “occorre seguire le procedure ivi analiticamente descritte – ricorda al Moige il giudice – nulla evincendosi dagli atti circa la correttezza delle modalità seguite a tal fine da parte attrice”.

Wikimedia ha festeggiato la conclusione del procedimento ricordando alla Rete che “Wikipedia appartiene a voi, alla comunità globale che l’ha creata e che continua a farla crescere”. “La neutralità di Wikipedia – scrive la Fondazione – dipende dall’abilità di continuare a non farsi influenzare dai tentativi di raggirare le politiche e le procedure della comunità tramite azioni legali. Questa sentenza costituisce una vittoria per tutti i Wikipedians e per la libertà di espressione su Internet”. La pagina del Moige, ancora priva di riferimento rispetto alla decisione del Tribunale di Roma, non aspetta che di essere aggiornata.

HORNET, la rete a cipolla più veloce di Tor

HORNET, la rete a cipolla più veloce di Tor

hornet-tor

Una nuova rete anonimizzatrice promette di garantire la sicurezza della connessione assieme a una performance di rete molto superiore al solito circuito di Tor. Il Tor “next-gen” mette i bastoni tra le ruote alla sorveglianza.

Un team di ricercatori internazionale propone una tecnologia chiamata HORNET, sistema di “routing a cipolla” che si propone come alternativa al solito network di Tor capace di offrire una connettività migliore sia sul fronte della sicurezza che – anzi soprattutto – in fatto di performance velocistiche.

HORNET permette di stabilire canali di comunicazione anonimi end-to-end usando un’architettura di rete di nuova generazione, spiega il lavoro firmato da Chen Chen, Daniele Enrico Asoni, David Barrera, George Danezis e Adrian Perrig, operando a livello di rete (livello 3 dello standard ISO/OSI) e permettendo lo sviluppo di un ampio spettro di applicazioni telematiche.

Il segreto delle capacità di HORNET sta nell’efficienza del sistema, sostengono i ricercatori: diversamente dalle altre reti a cipolla (Tor), i router appartenenti a un circuito HORNET non mantengono gli stati sul flusso delle trasmissioni né eseguono operazioni di calcolo complesse, definendo una struttura che permette di scalare molto più facilmente verso l’alto con l’aggiunta di nuovi client.

Su HORNET lo stato delle connessioni (incluse le chiavi crittografiche) viene trasportato assieme agli header dei pacchetti di dati, così che i nodi intermedi della rete possano trasferire velocemente il traffico per un ampio numero di client.

In soldoni, un nodo HORNET è in grado di processare traffico di rete anonimizzato per 93 Gb/s; i dati sono protetti con un sistema di crittografia simmetrica, e l’aggiunta di nuovi canali anonimi incrementa le necessità di calcolo in maniera marginale. Per quanto riguarda la sicurezza, infine, HORNET protegge contro i tentativi di attacco e “de-anonimizzazione” costringendo gli eventuali attaccanti a prendere il controllo di “una significativa percentuale degli ISP” internazionali.

YouTube paga, ma Facebook incassa

YouTube paga, ma Facebook incassa

La campagna del social network per conquistare spazio nel settore della condivisione di video passa per lo sfruttamento di quelli del Tubo, caricati dai suoi utenti attraverso il player nativo.

Facebook e YouTube

La corsa di Facebook al mercato dello streaming ed il suo tentativo di imporsi come piattaforma per la condivisione di video si sta già scontrando con il grande dominatore del settore: YouTube. E a farne le spese, per il momento, sono gli autori.

A sollevare la polemica sono due YouTube Star che con il loro canale ci vivono: Destin Sandlin, che ha 2,8 milioni di abbonati al suo SmarterEveryDay e Grant Thompson, con oltre 4 milioni di iscritti al suo “The King of Random”.

Il canale di Sandlin ha basato il suo successo su video con piccoli esperimenti (come quello sull’atterraggio dei gatti) e spiegazioni scientifiche su fatti curiosi (come l’influenza della routine sulle capacità del cervello, meccanismo spiegato per esempio in un video sull’andare in bicicletta): l’ultimo della serie, dal titolo “TATTOOING Close Up (in Slow Motion)” avrebbe dovuto rappresentare il suo maggior successo svelando cosa succede sulla pelle durante un tatuaggio, tuttavia nonostante più di 18 milioni di visualizzazioni solo nei primi due giorni online gli introiti per Sandlin sono stati limitati.

Infatti il video è stato ripreso (scaricato e rippato) dalla rivista online Zoo dell’editore britannico Bauer Media e condiviso, senza i riferimenti al suo canale YouTube, attraverso il lettore nativo di video di Facebook: una pratica in realtà molto comune tra i giornali, come dimostrano per esempio le colonne di destra dei siti dei principali giornali italiani che fanno incetta di video di successo condividendoli con il proprio logo ed il proprio player sulle proprie pagine.

Per descrivere questo comportamento, il filmmaker Brady Haran nel suo podcast Hello Internet ha coniato il termine “Freebooting” (saccheggio) ritenendo che “violazione di diritto d’autore” non fosse una descrizione accurata, anche se la pratica rientra in maniera quasi da manuale in tale definizione: viene violato il diritto dell’autore nel riprodurre un’opera integralmente (dal momento che viene tagliata e distribuita sotto forma alternativa), la sua paternità (spesso non ci si premura neanche di riportare il nome dell’autore) e l’esclusiva di divulgazione, dal momento che viene preso dalla piattaforma in cui si trova, attraverso cui è peraltro condivisibile liberamente anche attraverso embed, per essere trasportata su una diversa piattaforma. Il termine freebooting, in ogni caso, è stato ripreso anche da Sandlin che lo ha spiegato con un video ad hoc.

Tale pratica, in poche parole e come evidente nel caso del video TATTOING Close Up, consiste nel prendere i video user-generated di YouTube e condividerli su diversi circuiti fuori dal controllo dei propri autori e dal sistema di visualizzazione di YouTube, che in base alla pubblicità legata ai singoli contenuti ed effettivamente mostrata remunera i propri autori amatoriali.

Con l’ingresso in campo di un colosso come Facebook gli equilibri di potere rischiano di essere del tutto sconvolti: così l’altra YouTube Star impegnata su questo fronte, Grant Thompson, testimonia di ricevere giornalmente email di suoi fan che lo avvisano di versione rippate dei suoi video che appaiono su Facebook. Un problema sostanziale per i suoi introiti: il video in cui mostra come fare mini-Lego con caramelle gommose ha ricevuto sul Tubo 600mila visualizzazioni, ma è circolato su Facebook nella versione rippata da un altro utente arrivando a 10milioni di visualizzazioni.

La beffa è che neanche chi lo ha rippato e caricato su Facebook ci ha guadagnato: mentre YouTube riconosce ai suoi autori una percentuale degli introiti generati dall’advertising, al momento il social network non associa pubblicità ai contenuti caricati, così i freebooter guadagnano solo in visibilità.

Questa situazione si è venuta a creare principalmente per le scelte tecniche di Facebook che, interessata ad ospitare i contenuti e non solo a diventare tramite di condivisione di video e articoli caricati su altre piattaforme, ha sviluppato un lettore che mette in una vetrina privilegiata i video condivisi tramite di esso e con l’opzione auto-play quando gli utenti scorrono la propria timeline: una scelta che l’ha portata, lo scorso settembre, a conteggiare più di un miliardo di visualizzazioni video al giorno e più di 4 miliardi già ad aprile scorso.

Lo scontro Google-Facebook, insomma, è inevitabile e si giocherà su più piani: al momento YouTube, piattaforma cresciuta anche grazie ad un primo periodo di sostanziale libertà di caricare video protetti da diritto d’autore, deve ancora trovare il metodo di business più remunerativo e trovare il modo per difendere i contenuti dei suoi utenti migliori senza compromettere la sua capacità di essere un mezzo di condivisione; Facebook da parte sua deve dimostrare di non servire solo ad ospitare contenuti potenzialmente virali, ma di poter essere una piattaforma video tout court.

Per farlo – come dimostrato proprio da YouTube – avrà bisogno principalmente di ingredienti: gli utenti che creino contenuti all’altezza e la fiducia da parte dei detentori dei diritti.

Così, mentre ha già annunciato un piano per iniziare ad introdurre advertising all’interno di alcuni video riconoscendo parte degli introiti agli autori, Facebook dovrà anche dimostrare che il suo strumento di identificazione di contenuti protetti da diritti di proprietà intellettuale, il noto Audible Magic, sia all’altezza del Content ID con cui YouTube ha progressivamente contenuto le denunce di violazione che hanno accompagnato la sua crescita. La sorte delle YouTube Star che minacciano querele potrebbe segnarne il destino.

 

Gmail, meno spam per tutti

Gmail, meno spam per tutti

spam gmail

Google annuncia importanti novità nell’ambito della lotta allo spam su Gmail, un problema che Mountain View intende affrontare con strumenti specifici sia per gli utenti finali che per le aziende che comunicano con gli utenti a mezzo posta elettronica.

Nel confermare il fatto che i suoi utenti non hanno particolari problemi con lo spam su Gmail, Google sostiene altresì di avere l’intenzione di ridimensionare ulteriormente il numero di missive spazzatura che, in media, già costituiscono appena lo 0,1 per cento delle email presenti nelle inbox Gmail.

L’identificazione delle email di spam su Gmail non è sufficientemente “perfetta”, sostiene Google, quindi la corporation di Mountain View ha pensato a un paio di nuove soluzioni per incrementare le percentuali di riconoscimento fin dove è possibile.

La prima soluzione al (poco) grave problema dello spam su Gmail si chiama Gmail Postmaster Tools, uno strumento pensato per quelle aziende che inviano un gran numero di email legittime ma corrono comunque il rischio di finire nella cartella “Spam” della mailbox dell’utente.
Grazie a Gmail Postmaster Tools, alcune aziende “altamente qualificate” nella pratica del mass mailing legittimo avranno accesso a informazioni riguardanti gli errori nella consegna delle missive, rapporti sullo spam e la “reputazione” del business. Il tutto, beninteso, per applicare tutte le “best practice” necessarie a non finire più nella cartella Spam.

Per quanto riguarda gli utenti finali, invece, gli aggiornamenti anti-spam di Google sono automatici e includono l’impiego di una rete neurale artificiale per l’identificazione e il blocco di quelle email spazzatura particolarmente difficili da gestire, nuovi algoritmi di machine learning per una gestione più intelligente e personalizzata delle newsletter e una capacità migliorata per identificare mittente fasulli o impostori.

Lampi di Cassandra/ Maledetti Hacker reloaded

Lampi di Cassandra/ Maledetti Hacker reloaded

hacker

Borse ferme e aerei a terra: i giornalisti della TV estiva invocano maledetti hacker. Mentre le conseguenze della violazione ai danni dei sistemi di maledetti cracker al soldo dei governi passano quasi inosservate.

Settimana calda per i 24 incombustibili lettori: non ovviamente in senso meteorologico. Non interessa più di tanto parlare nello specifico degli eventi “digitali” che hanno reso la settimana incandescente in senso informatico.
In primis la diffusione di “informazioni riservate” di una nota ditta milanese specializzata nella produzione di… beh, di “captatori informatici”, che è stata appunto hackerata da dei maledetti hacker, che hanno messo in giro un interessante file di 400 GB; sulle possibili conseguenze della divulgazione di questo materiale, ha ben argomentato Matteo Flora.

Non interessa nemmeno direttamente la notizia che la borsa di New York sia andata in tilt e si sia bloccata per ore a causa di problemi informatici.

Non interessa nemmeno che la United Airlines abbia per motivi simili dovuto mettere a terra i suoi aerei per la seconda volta in un mese.

L’attenzione di Cassandra è stata attratta da quello che è passato in TV (le testate giornalistiche stavolta si sono comportate meno peggio).
Della sfrenata ricerca (non caccia) dei maledetti hacker.

Dotti tuttologi denunciavano che erano stati gli hacker, e che comunque se non lo erano stati lo sarebbero stati la prossima volta perché “tutto è hackerabile” (interessante concetto, scaturito probabilmente per caso come nella storiella della scimmia che batte sulla macchina da scrivere).
Giornalisti che intervistavano chiunque, pregandolo quasi in ginocchio, per favore, di dire che erano stati i maledetti hacker. O se non loro i cyberterroristi. Di non rispondere che fosse stato un bug di un software od il guasto di un router in sistemi ormai ipercomplessi e difficilmente gestibili, come quelli del trading ad alta velocità o dello smistamento bagagli. Per carità, che non fosse un “semplice” guasto.

Niente notizia per i “giornalisti”, in questo caso.
Più che di caccia ai maledetti hacker, si potrebbe parlare di questua per un hacker, anche piccolo piccolo e nemmeno tanto cattivo, da poter mettere in prima pagina… Invece niente! Poveri giornalisti con tutte quelle pagine e tutti quei minuti da riempire…

Nel frattempo, quello che era successo alla nota ditta milanese gravitava tra gli addetti ai lavori, ma le conseguenze della violazione rimanevano estranee, benché facilmente comprensibili anche ai non informatici.
È un po’ come se avessero rubato qualche quintale di plutonio già confezionato in semisfere cave.

Ma son dettagli. Date a quei poveri giornalisti qualche maledetto hacker.
Lo hanno chiesto persino ad Obama!

Nintendo: addio Satoru Iwata

Nintendo: addio Satoru Iwata

nintendo-logo

Muore a 55 anni il Presidente della casa videoludica giapponese. Sotto la sua direzione è esploso il successo di Wii e DS, prima che Nintendo affrontasse un triennio difficile.

Nintendo ha annunciato che nella giornata di ieri è venuto a mancare all’età di cinquantacinque anni il suo Presidente Satoru Iwata.

Nell’asciutto comunicato che ne dà notizia, si legge che la causa è una rara forma di cancro molto difficile da individuare in tempo, che colpisce il condotto biliare. Proprio per cercare di rimuovere chirurgicamente il tumore Iwata è stato costretto ad assentarsi dall’ultimo incontro annuale con gli azionisti di Nintendo.

All’azienda videoludica giapponese Satoru Iwata era approdato negli anni 80: ha iniziato lavorando a giochi come Earthbound, Ballon Fight e Birky e da lì la sua scalata è stata costante, fino alla nomina come Presidente della compagnia nel 2002, proprio al posto di Hiroshi Yamauchi, che per 50 anni aveva tenuto le redini dell’azienda.

Sotto la sua guida Nintendo ha visto l’esplosione di vendite di due dei suoi principali prodotti, le console Nintendo DS e la Wii.

Complici i cambiamenti sul mercato, gli ultimi tre anni hanno visto la giapponese soffrire la crisi, tornando a sorridere solo con l’ultima trimestrale, un segno che dopo tre anni era stata nuovamente imboccata la strada giusta.

Anche se non sono mancati ostacoli lungo il suo percorso, dunque, come i deludenti GameCube e Wii U, Iwata era una figura molto amata: non solo per le sue interviste dirette con gli sviluppatori “Iwata Asks” e per i successi commerciali segnati, ma anche per le sue qualità umane che lo facevano sentire molto affine ai gamer.

1 2 3