Windows 10, anche l’attivazione è cloud

Windows 10, anche l’attivazione è cloud

Il nuovo sistema operativo universale, mobile e cloud cambia le regole anche per quel che riguarda la procedura di attivazione, ora sempre più legata ai server remoti e potenzialmente semplificata in caso di reinstallazione.

 

windows

Fra le tante novità che caratterizzano la nuova era dei sistemi operativi “come servizi” aperta da Windows 10, quella riguardante l’attivazione dell’OS è una di quelle su cui Microsoft ha speso meno parole.

Una reticenza prevedibile che però nasconde cambiamenti di peso per gli utenti con l’ansia da reinstallazione.

Come nel recente passato (Windows 7, Windows 8.x), anche l’ultima versione dell’OS necessita dell’introduzione di una “product key” individuale in fase di installazione:

– una volta verificata la legittimità del codice, i server di Microsoft generano un identificativo (ID) per ogni installazione e lo salvano nel “cloud”.

L’ID di Windows 10 continua a essere ancorato all’hardware di base del sistema, ma grazie all’archiviazione in remoto la product key non è più indispensabile:

– a una successiva installazione, l’OS non chiederà più l’inserimento del codice limitandosi a ricevere la conferma di legittimità dai server (Azure?) di Redmond.

Per quanto riguarda l’influenza dei cambiamenti all’hardware del PC, infine, le regole che valgono per le vecchie versioni di Windows dovrebbero valere anche per Windows 10:

– sostituire la GPU PCIe discreta o un componente “secondario” non ha alcun effetto, mentre il cambiamento della scheda madre (a cui l’ID “cloud” è irrimediabilmente collegato) necessiterà della riattivazione dell’OS.

Comments are closed.